Le novità 2016 sulle misure per la Conciliazione Lavoro-Famiglia

Il Jobs Act e la Legge di Stabilità 2016 hanno apportato alcune modifiche alle misure di conciliazione lavoro-famiglia. Ricapitoliamo quali sono.

Congedo dei papà con indennizzo del 100% della retribuzione

Congedo obbligatorio di 2 giorni per i neopapà, da godere anche in via non continuativa entro i 5 mesi di vita del bambino;

Congedo facoltativo di ulteriori 2 giorni per i padri, da fruire entro i 5 mesi di vita del figlio, in alternativa all’astensione obbligatoria della madre.

Voucher baby sitter o asilo nido

Entro 11 mesi dal rientro al lavoro, le mamme potranno usufruire, in alternativa al congedo, di 600 euro mensili per un massimo di 6 mesi;

Incentivi al welfare aziendale i datori di lavoro possono assegnare ai dipendenti che hanno un reddito inferiore ai 50mila euro, voucher fino a 2mila euro spendibili per asili nido e babysitter.

Congedi a ore

10 mesi di congedo parentale facoltativo usufruibile fino ai 12 anni di vita del figlio; diventano 11 se il padre ne usufruisce almeno 3 mesi.

Il periodo retribuito del 30% arriva fino ai 6 anni di vita del bambino. E’ possibile usare il congedo parentale su base oraria.

Part Time

Il lavoratore può chiedere, per una sola volta, in luogo del congedo ancora spettante, la trasformazione del rapporto di lavoro a tempi pieno in rapporto a tempo parziale, con riduzione d’orario non superiore al 50%. Il datore di lavoro è tenuto a dar corso alla trasformazione entro 1 giorni dalla richiesta.

Fonti:
Disegno di Legge di Stabilità 2016
Decreto Legislativo n. 80 del 15 Giugno 2015 attuativo del Jobs Act

I commenti sono chiusi